Raccomandato 2019

Scelta Del Redattore

Fashion Director Yasmin Sewell On Curls, Blue Liner e Lasers
Come legare un piega sul collo
Una soluzione rapida per il sovraccarico dei profumi

Le nomination agli Oscar 2018 hanno visto diversi primati importanti per le donne a Hollywood

V.M. Kwen Khan Khu: Temática Gnóstica Transcendental // Entrevista N12 (con Subtítulos) (Aprile 2019).

Anonim

Non è un segreto che l'industria cinematografica possa essere particolarmente brutale per le carriere di creativi appartenenti a gruppi di minoranza, che vengono abitualmente trasferiti per lavori sia davanti che dietro la telecamera. (Coloro che appartengono a più di un gruppo emarginato, come le donne di colore, devono affrontare ostacoli ancora maggiori al successo.) Ma anche se la parità richiederà tempo e impegno per raggiungere Hollywood e oltre, ci sono almeno alcuni punti luminosi da trovato nelle nomination agli Oscar di quest'anno, che sono state annunciate martedì mattina.

Per i principianti, Rachel Morrison è appena diventata la prima donna nominata per la migliore fotografia. (Ricorda che gli Oscar sono in circolazione da 90 anni.) Si è guadagnata il cenno del capo per il suo lavoro nel film Mudbound, che è stato co-scritto e diretto da Dee Rees.

Come Morrison ha detto al Los Angeles Times della sua storica nomina, "Letteralmente, è un sogno che si avvera … Spero davvero che spalanca la porta a più donne a credere di poterlo fare e seguire i loro sogni e diventare cineasti". Per quelle donne interessate a seguire la cinematografia, ha avuto questo saggio consiglio: "Non c'è tempo come il presente, e posso sentire il cambiamento: è palpabile, ma penso che sia il miglior lavoro sul set, quindi dovrebbero farlo. Basta essere perseveranti e pazienti e sapere che non accade nulla da un giorno all'altro, ma se ti piace il processo e goditi il ​​viaggio, arriverai a destinazione. "

Anche lei nominata per il suo lavoro in Mudbound è Mary J. Blige, che è la prima donna ad essere nominata come miglior attrice non protagonista per una performance in un film diretto da una donna di colore. È anche la prima donna ad essere nominata come miglior attrice non protagonista e miglior canzone originale ("Mighty River", da Mudbound ) nello stesso anno. Blige ha ricevuto Oscar Noms per le sue canzoni originali in passato, ma questa è la sua prima nomination all'attrice. Ha detto a USA Today che "non riesco a smettere di piangere" da quando ha ricevuto le notizie sulle sue nomination, aggiungendo: "È solo un momento molto emozionante, non lo prendiamo alla leggera perché cose come queste non accadono. ". (Blige ha espresso la sua delusione per il fatto che Rees, il regista di Mudbound, non è stato nominato nella categoria regista, ma Rees è stato nominato per la sceneggiatura più adatta).

Foto da serie di Coccinella e Mudbound

Una donna che ha fatto irruzione nella categoria regista: Greta Gerwig. Lady Bird, che Gerwig ha scritto e diretto, è stata nominata come miglior film, miglior regista e miglior sceneggiatura. Gerwig, un indie cara, era già uno sceneggiatore affermato prima dell'uscita di Lady Bird : ha co-scritto sia Frances Ha che Mistress America con Noah Baumbach (oltre a recitare in quei film). Lady Bird è stata la sua prima incursione solista dietro la macchina da presa (ha co-diretto il film di Nights and Weekends 2008 con Joe Swanberg).

La sua nomina rende Gerwig la prima regista ad aggiudicarsi una nomination come miglior regista per il suo debutto alla regia. (Solo altre quattro donne sono state nominate come miglior regista nella decennale storia dello show. Kathryn Bigelow è l'unica donna che abbia mai vinto l'Oscar per la regia, un onore che ha vinto per il suo lavoro nel film Hurt Locker .)

Per quanto possano essere eccitanti queste pietre miliari, è fondamentale ricordare che stanno accadendo 90 anni nella storia degli Oscar - ed è piuttosto spiacevole che ci sia voluto così tanto tempo. L'Accademia è ancora prevalentemente bianca e maschile, anche dopo che due anni fa sono stati avviati gli sforzi per correggere l'inclusività.

All'inizio di oggi, April Reign, attivista e #OscarsSoWhite, ha parlato del problema della rappresentazione degli Oscar su Twitter. "Fino a quando non stiamo più lodando le prime volte dopo 90 anni di storia, fino a quando non possiamo più contare un numero di nomination tradizionalmente sottorappresentate in una particolare categoria sulle nostre dita, #OscarsSoWhite rimane rilevante", ha scritto in seguito all'annuncio di le nomination di quest'anno. "La lotta continua."

Speriamo che queste donne incredibilmente talentuose tornino a casa con un po 'di hardware il mese prossimo e che l'industria offra nuove opportunità.

Gli sguardi più memorabili dagli Oscar Red Carpet:

Top